Bonaparte Giuseppe

www.treccani.it

Giuseppe (fr. Joseph) Bonaparte re di Napoli poi re di Spagna.

Fratello (Corte, Corsica, 1768 - Firenze 1844) di Napoleone; dapprima avvocato, e decisamente francofilo, lasci˛ la Corsica dopo la vittoria di P. Paoli nel 1793, rifugiandosi in Francia. Con le fortune del fratello ebbero inizio anche le sue: chiamato in Italia, prese parte alle trattative per l'armistizio di Cherasco (1796); fu poi inviato nella Corsica riconquistata con importanti incarichi (1796), quindi eletto nel Consiglio dei Cinquecento. Residente a Parma e poi ambasciatore a Roma (1797), la rottura delle relazioni diplomatiche con la Curia lo fece rientrare in Francia.

Dopo il colpo di stato del 18 brumaio divenne consigliere di stato e tribuno, ed ebbe parte notevole nelle trattative che condussero al trattato di amicizia di Montfontaine con gli Stati Uniti, alla pace di LunÚville con l'Austria (1801), al Concordato (1801), e alla pace d'Amiens con l'Inghilterra (1802).

Innalzato quindi ai pi¨ alti gradi civili e militari dell'Impero napoleonico, nel 1806 G. era posto dal fratello sul trono di Napoli; e i due anni del suo governo aprirono un'era di grandi riforme, anzitutto per l'abolizione della feudalitÓ.

Nominato quindi re di Spagna (7 luglio 1808), G. promulg˛ una costituzione, ma dovette aprirsi la via con le armi: in realtÓ, ad eccezione di qualche sparuto nucleo liberale, tutto il paese gli fu avverso, compresi i pi¨ dei liberali, anelanti all'indipendenza. Costretto ad abbandonare quasi subito Madrid (ag. 1808), vi rientrava nel dicembre, e vi rimaneva fino all'ag. 1812, quando la guerra, mai spentasi nella penisola, lo cacci˛ nuovamente; ripresa la capitale nel novembre, dovette abbandonarla definitivamente, dopo la sconfitta di Vitoria, il 21 giugno 1813. Dietro ordine di Napoleone riconobbe quindi Ferdinando VII come re di Spagna.

Comandante supremo della Guardia nazionale francese, diresse, almeno di nome, la difesa di Parigi (1814). Rifugiatosi in Svizzera dopo la prima abdicazione di Napoleone, fu ancora al fianco del fratello durante i Cento giorni.

And˛ poi negli Stati Uniti, donde si trasferý a Londra (1832), e infine a Firenze (1841).