Weber, Max.

www.treccani.it

Sociologo e storico (Erfurt 1864 - Monaco di Baviera 1920). La sua sociologia, concepita come scienza pura, Ŕ immune da concetti naturalistici e da costruzioni speculative: polemico al tempo stesso contro positivismo e storicismo, W. si proponeva di studiare le azioni tipiche, le probabilitÓ calcolabili nel comportamento degli uomini, non i valori soggettivi determinanti nella realtÓ le azioni; onde la legittimitÓ di una ricerca dei nessi mezzi-fine, non in vista di un giudizio di valore sui fini stessi, ma in vista dell'adeguatezza dei mezzi per conseguirli (Wertfreiheit "libertÓ dai valori"). Enorme la sua influenza, in particolar modo sulla sociologia statunitense (T. Parsons, Ch. Wright Mills).

Vita e opere

Laureatosi a Berlino alla scuola di L. Goldschmidt pass˛ poi, sotto l'influenza di Th. Mommsen, alla storia agraria romana. Chiamato nel 1894 alla cattedra di economia politica di Friburgo in Br., poi nel 1897 alla stessa cattedra di Heidelberg, si trov˛ a dover prendere posizione tra scuola storica di Berlino (che faceva capo a G. Schmoller) e scuola teoretica di Vienna (di cui era principale esponente C. Menger).

Nel 1903 assunse con E. JaffÚ la direzione dell'Archiv fŘr Sozialwissenschaft und Politik, nel quale comparvero i due celebri saggi ▄ber die Objektivitńt sozialwissenschaftlicher und sozialpolitischer Erkenntnisse e ▄ber die protestantische Ethik und den Geist des Kapitalismus, che inaugurarono la sua attivitÓ pi¨ originale e feconda.

Questi studi lo condussero a formulare una nuova metodologia della ricerca scientifica nelle scienze sociali (storia, economia e, soprattutto, sociologia), che pose in atto nel volume Wirtschaft und Gesellschaft (post., 1922).

Nel 1918 accett˛ la cattedra di sociologia a Vienna, ma la catastrofe lo fece tornare in patria. Compil˛ con H. DelbrŘck e altri la risposta del governo tedesco all'accusa di responsabilitÓ per la guerra, collabor˛ alla redazione della costituzione di Weimar e fu tra i fondatori del Partito democratico tedesco. Nel 1919 fu chiamato alla cattedra di sociologia di Monaco.

Postume apparvero le raccolte dei suoi saggi di Religionssoziologie (1920-21), di Wissenschaftslehre (1922), di Soziologie und Sozialpolitik (1924) e di Sozial und Wirtschaftsgeschichte (1924).

I contributi principali di W. in campo sociologico sono rappresentati dall'indagine sui rapporti tra forme religiose e forme economiche, a partire dalla citata ricerca ▄ber die protestantische Ethik und den Geist des Kapitalismus per finire allo studio comparato delle religioni orientali (taoismo, confucianesimo, induismo, buddismo, giudaismo), nell'intento di mostrare, contro le interpretazioni correnti di derivazione marxista (R. Stammler, W. Sombart), l'irriducibilitÓ del comportamento sociale a cause puramente economiche.

Celebre la discussissima tesi che fa risalire la formazione dello "spirito" capitalistico (imprenditorialitÓ razionale) all'influenza delle posizioni etiche calvinistiche che concepivano il lavoro come vocazione, ascesi intramondana.

Particolarmente importante l'impostazione data alla ricerca sociologica in Wirtschaft und Gesellschaft, dove al centro dell'analisi sono l'azione individuale provvista di senso (Sinn; onde la necessitÓ di una Verstehende Soziologie o sociologia della comprensione), la definizione dell'azione nella sua dimensione individuale e sociale, le indagini sui processi di formazione dei gruppi sociali sulla base di interessi materiali (ricomprendendo in quest'ambito anche le classi sociali) e di affinitÓ di credenze e valori, lo studio delle relazioni sociali basate sull'autoritÓ (tipologia dell'autoritÓ e delle forme di potere: carismatica, tradizionale, legale).

Nel campo metodologico W. ha formulato il concetto di "tipo ideale" (Idealtypus) come strumento della conoscenza storica: concetto-limite che deve servire a ordinare i dati empirici. In generale, sotto l'influenza di H. Rickert, W. ha mirato a dare rigore di metodo e precisione di concetti alla scienza.

Notevoli anche le sue Gesammelte politische Schriften (post., 1921), testimonianza della sua appassionata partecipazione alle vicende politiche della Germania tra conflitto mondiale e repubblica di Weimar.