Luigi Anepeta


Diario di un Antipsichiatra


E-book per PC e Mac (pp. 302)
Prezzo: 6 euro (IVA compresa)
Formato: E-pub

Sottoposta, a partire dagli anni ‘60 del Novecento, a critiche radicali incentrate sulla pratica manicomiale, la psichiatria – che, con l’avvento della legge 180 in Italia, sembrava alle corde – ha recuperato il terreno perduto grazie anche all’imponente sostegno delle industrie farmaceutiche e, con un’incessante propaganda mediatica, ha conseguito un grande prestigio agli occhi dell’opinione pubblica. Tale prestigio non ha alcun fondamento.

La pratica psichiatrica contemporanea è sempre più burocratica e oggettivante. Essa tende a etichettare come malattie esperienze psicopatologiche di vario genere con modalità tali da evocare la possibilità che un computer programmato sulla base dei criteri diagnostici del DSM-IV e dei protocolli terapeutici standardizzati, giungerà rapidamente a sostituire l’intervento umano. Questo andazzo, che produce, specie nei pazienti giovani, più svantaggi che vantaggi, orientandoli verso un’interminabile cronicizzazione all’insegna di cure farmacologiche che si protraggono vita natural durante, è intollerabile. Tanto più perché la psichiatria sostiene che le recenti scoperte avvenute nell’ambito delle neuroscienze confermano le sue ipotesi di fondo. È un’impostura.

La verità nuda e cruda è che la pratica psichiatrica corrente è una rottamazione di esseri umani che produce enormi profitti. La querelle che con questo libro l’autore intende riaprire, dando seguito a Miseria della neopsichiatria e a Star male di testa, non ha, però, alcun intento demonizzante e tanto meno ideologico. Eccezion fatta per singole persone, gli psichiatri non sono mostri.

È vero, però, che agiscono comportamenti e adottano strategie che sono nocivi, improduttivi e a lungo andare iatrogeni. Determinano insomma, a partire da esperienze giovanili che sono sempre comprensibili e rimediabili, un decorso tale per cui la malattia diagnosticata originariamente si realizza. Per ribaltare questa situazione non ci si può ricondurre agli slogan antipsichiatrici del passato. Occorre accettare la sfida sul piano scientifico, vale a dire contrapporre alla teoria e alla pratica psichiatrica un modello alternativo capace di comprendere e di spiegare i fenomeni psicopatologici, illuminando la loro comprensibilità.

Il principio di fondo del saggio è che tutto ciò che è comprensibile in termini psicodinamici non può essere ricondotto a una presunta malattia del cervello. Il suo intento è di dimostrare, alla luce dell’analisi di numerose esperienze psicopatologiche gravi, che tutti i fenomeni psicopatologici sono comprensibili se si adotta un codice interpretativo adeguato, che, ovviamente, trascende la banalità del senso comune cui fanno riferimento gli psichiatri. La prova di questo assunto è fornita dal fatto che le analisi delle esperienze sono state convalidate da molti dei diretti interessati, pazienti ed ex-pazienti. L’intento di rilanciare un modello e un progetto teoricamente e terapeuticamente alternativo alla sconcertante rozzezza della psichiatria contemporanea è di sicuro ambizioso.

Se questo libro servisse a promuovere l’idea che tale alternativa è già praticabile ma potrebbe diventare molto più efficace se si realizzasse un nuovo senso comune sui fenomeni psicopatologici, avrebbe raggiunto il suo scopo.

Per leggere l'e-book, occorre scaricare uno dei seguenti programmi gratuiti
Adobe® Digital Editions
Calibre per Windows
Calibre per Mac OS X

Acquista in formato epub

Acquista in formato pdf